Recensioni prodotti per Uomini.

Attenzione ai batteri

Anche se non si direbbe, la tastiera del pc è un covo di batteri, almeno cosi è emerso da uno studio condotto da un biologo britannico. Secondo questa ricerca, risulta più pericolosa per prendere infezioni, la tastiera del computer che un wc e la porta della toilette. La colpa sembra sia della poca igiene e del fatto che spesso le persone usano mangiare davanti al computer, con il rischio che batteri si annidino sulla tastiera. Il biologo che ha fatto questa scoperta, ha esaminato una cinquantina di tastiere di uffici britannici e ha riscontrato che molte presentano dei batteri pericolosi che potrebbero portare alcune malattie a chi utilizza la tastiera.


Dalla ricerca è emerso che alcune tastiere si sono presentate pericolose per la salute, una addirittura era più sporca di una tavoletta del water. Alcune tastiere avevano dei batteri pericolosi, superiori di oltre cento volte il limite di batteri possibili, altre a causa di batteri presenti, potrebbero divenire strumenti per un’intossicazione alimentare. Il fatto che molte persone pranzano o fanno spuntini davanti alla tastiera del pc, è la causa principale di tutti questi batteri, in quanto i resti del cibo, anche minimo oppure le briciole sono terreno fertile per i batteri nocivi.


Anche l’igiene personale ha il suo ruolo, molti vanno in bagno e una volta tornati davanti al computer non si lavano le mani. Il fatto peggiore, è che spesso le tastiere dei pc vengono usate da più persone, quindi si rischia di contaminare di batteri anche altri malcapitati. Le malattie che potrebbero colpire vanno dalle intossicazioni alimentari, alla diarrea e al vomito.
Il punto è che la gente non crede che da una tastiera possano sorgere certe malattie, oggigiorno l’uso massiccio del computer e il fatto che quasi tutti, lavorano davanti ad esso, porta le persone a passare sempre più tempo in compagnia della tastiera, ci si mangia anche davanti e inconsapevolmente i batteri si sviluppano tra le fessure dei tasti, dove cadono le briciole.


Intervistate sull’argomento, molte persone hanno dichiarato di non pulire mai la tastiera, poche di più quelle che a mala pena la strofinano ogni tanto, davvero pochi i patiti della pulizia che puliscono il mouse e la tastiera con l’alcool. Per uscire dal rischio di beccarsi certi batteri, bisognerebbe pulire la tastiera del computer ogni giorno, dopo aver mangiato per evitare cosi che le briciole si accumulino nelle fessure.
Almeno una volta a settimana poi, è necessario pulirla a fondo con un disinfettante e l’alcool. Quasi tutti ignari del pericolo batteri probabilmente. Tanto per fare un paragone, mangiare davanti ad una tastiera sporca, è quasi come mangiare davanti ad un water e se si arriva al punto in cui i germi presenti superano la soglia consentita, è necessario buttare la tastiera e sostituirla con una nuova.


La cosa migliore da fare, oltre a pulire la tastiera, è evitare di mangiare, se possibile, davanti al computer in modo che i resti del cibo non sviluppino i batteri ed i germi cattivi. Un’altra cosa da fare, è lavarsi sempre le mani prima di usare la tastiera e cosa ancora più importante, è fare in modo che essa sia il più personale possibile.
Il multiuso da parte della tastiera rende più difficile tenerla pulita, col rischio che tanti germi facciano capolino da essa e si attacchino a più persone. Insomma, da oggi in poi attenti alla tastiera del pc! Potrebbe nascondere dei germi pericolosi per la salute.




© Copyright 2017 - All rights reserved

Le informazioni contenute in questo sito web sono solamente a scopo informativo e non intendono sostituire il consulto da parte di un medico. Le recensioni si basano su materiale ed informazioni di natura generica prese dal sito ufficiale del produttore e/o fornitore, informazioni reperibili di dominio pubblico e facilmente accessibili. Non è possibile ritenere il sito responsabile riguardo l'accuratezza, completezza o veridicità del materiale pubblicato né per eventuali danni fisici o morali derivanti dall'uso improprio dei contenuti pubblicati. Il sito web non è ne produttore e/o fornitore dei prodotti che recensisce. Ti invitiamo a consultare:


Terms and Conditions | Cookies Policy